[HOME - BASE Cinque - Appunti di Matematica ricreativa]

La scuola del POF

Che cosa fu il POF agli inizi del terzo millennio

Care colleghe, cari colleghi,

nell'augurarvi buon anno scolastico 2003-2004, vi presento la pi chiara e completa descrizione del POF che io abbia mai letto.
L'originale in catanzarese, ma per fortuna abbiamo anche una traduzione in italiano.

Quando frequentavo la scuola come alunno, nel millennio scorso, ogni professore doveva scrivere il suo programma didattico che pi o meno coincideva con il Programma Ministeriale, il quale era costitutito da una premessa e da un elenco di argomenti da svolgere.

Oggi, nel 2003, tutta la scuola che deve progettare il suo Piano dell'Offerta Formativa (POF). Preparare il POF una cosa tremenda. Ci lavorano freneticamente tutti gli insegnanti dell'Istituto Scolastico, divisi in Commissioni e capitanati da 4 o 5 colleghi detti Figure Obiettivo (FO); sono i famosi FO del POF.

Un milione di insegnanti dedica le prime due settimane di settembre a scrivere il POF. E forse anche qualche giorno in pi. Se la scuola fosse un'impresa privata, il POF le costerebbe 500.000 stipendi: 700.000.000 di Euro, pari alla favolosa cifra di 1.355.389.000.000 delle vecchie lire. Ed proprio questa la cifra che le costa!

Comunque, nel corso degli ultimi 5 Ministeri tutte queste sigle sono cambiate varie volte e quando leggerete questo scritto, magari non saranno pi valide. Questo un periodo di frenesia evolutiva nel quale la scuola sta cambiando moltissimo!

Ma che cosa fu il POF agli inizi de terzo millennio?

Poesia tratta da: http://members.xoom.virgilio.it/autoriforma/popoff.htm

A SCOLA DO POF 

'A la scola , puru c' l'AUTONOMIA,

m pp prova, ma assai prestu pigghia u via,

pp studenti c' l'OFFERTA FORMATIVA 

progettata giustu a filu 'e normativa

Chistu quindi propriu l'annu do POPOF!

mi sbagghiavi, tornu arretu, do POF

mi scusati fu n'errora, vi 'nde pregu, 

mi scappau comu nenta, nun 'mu negu

Si 'nci penzu poi u POF non sta mala

rimporzatu  ccu na sillaba  'ntra finala 

nun dittu ca nun  merita l'ornamentu 

propriu  'a sigla cchi da scola fundamentu! 

E facimula 'ppe stu  Pof 'a riverenza, 

ccu l'inchinu e 'u rispettu cchi ognunu penza,

n'occasiona troppu d'oru 'pp docenti

u scrivimu e u mustramu cumpiacenti

L'acclamanu ccu l'offerta i guagliuneddi

Patri e mammi ca facimu cosi beddi

'nci mustramu ccu orgogliu i novit 

e tutti i cosi chi ognunu vo' ma fa 

Ccertamenta, nomma scanta, non c' leziona! 

ppo' studente cchi ma studia nun'a ntenziona 

ca 'nci offrimu nu serviziu riservatu 

ccu piaceri sulamenta cunturnatu!  

-Veni beddu! -'Nci dicimu -intra  scola

ca ti sciali, ti ricrij, eccu a parola !  

Si ma 'nzumpi si portatu- oh criatura-

Si m'apprendi, caru meu, nunn'hai gula 

l'occasioni ti porgimi su misura!

t'azi e fai ogni cosa a simpatia

pisti e rumpi e fai vidima puru i denti?

Nun fa nenta, i guai su sulu de ducenti           

E gi` da tempo, i ducenti tuttu facimu,
                      
"l'apertura" non ni manca, u sapimu, 
                 , 
l'importanta h a materia numma 'nsegnamu 
     
si da scola 'a "QUALITA'" rispettamu .

Quanti sordi cchi arrivano ntra st'annu!

L'interessa i politici troppu ni fannu  

calcolati, ma cchi 'mporta, tutti a lordu

nuddu e nui poi del resto assai 'ngordu

Mamma mi cchi cosa randa stu CUNTRATTU

na delizia quando u lejiu a ogne' trattu

quasi quasi mu 'ncurniciu subbia u lettu

E mu guardu tutti i siri ccu dilettu.

Satira in vernacolo catanzarese 
della Prof. RITA FERRAGINA
Scuola Media M.Preti Catanzaro

LA SCUOLA DEL POF

A scuola, c' anche l'AUTONOMIA,

ora per prova, ma molto presto prende il via,

per gli  studenti c' l'OFFERTA FORMATIVA

progettata proprio a filo di normativa

Questo quindi proprio l'anno del POPOF!

ho sbagliato, torno indietro, del POF

scusatemi stato un errore, ve ne prego

mi sfuggito come niente, non lo nego

Se ci penso poi il POF non sta male

rinforzato con una sillaba nel finale

non detto che non merita l'ornamento

Proprio la sigla che della scuola fondamento!

E facciamola per questo Pof la riverenza, 

con l'inchino e il rispetto che ognuno pensa,

un'occasione troppo d'oro per i docenti

lo scriviamo e lo mostriamo compiacenti

Lo acclamano con l'offerta i ragazzini

padri e madri , perch facciamo cose belle

gli mostriamo con orgoglio le novit

e tutte le cose che ognuno vuole fare

Certamente, non si preoccupi, non c' lezione!

per lo studente che di studiare non ha intenzione

perch gli offriamo un servizio riservato

Di piacere solamente contornato!

-Vieni bello!- gli diciamo- nella scuola

che ti sciali, ti diverti, ecco la parola!

 Se  per saltare sei portato-oh creatura-

Se di apprendere, caro mio, non hai voglia

Le occasioni ti porgiamo su misura!

 ti alzi e fai ogni cosa a piacimento

 Pesti e rompi e fai vedere anche i denti?

 Non fa niente, i guai sono solo dei docenti. 

 gi  da tempo, noi docenti tutto facciamo, 

 l'apertura non ci manca, lo sappiamo,

 l'importante  di non insegnare la materia 

se della scuola la QUALITA' rispettiamo. 

Quanti soldi che arrivano quest'anno!

l'interesse i politici troppo ce li fanno

calcolati, ma cosa importa, tutti al lordo

nessuno di noi del resto molto ingordo

Mamma mia che cosa grande questo contratto

una delizia quando lo leggo a ogni passaggio

quasi quasi me lo incornicio sopra il letto

e me lo guardo tutte le sere con diletto. 

Trascrizione in lingua italiana
della Prof. ROSANNA MACRILLO'
Scuola Media F.Todaro Catanzaro


Sito Web realizzato da Gianfranco Bo