DON'T LET ME DOWN!

Sitemap
The coats of arms of the Popes Pages on a specific Pope An 1852 map of Rome by P. Letarouilly Filippo Juvarra's drawings of the finest coats of arms XVIIIth century Rome in the 10 Books of Giuseppe Vasi - Le Magnificenze di Roma Antica e Moderna Visit Rome in 8 days! A 1781 map of Rome by G. Vasi The Grand View of Rome by G. Vasi Pages on the Venetian Fortresses, the Walls of Constantinople and many other topics Visit the Roman countryside following the steps of Ferdinand Gregorovius My Guestbooks A detailed index of my websites
S. Ivo dei Brittoni (Book 6) (Map C2)  (Day 4) (View C5) (Rione Campo Marzio)

In this page:
 
The plate by Giuseppe Vasi
 Today's view (including Strada di Ripetta)
 S. Ivo
 Palazzo Cardelli
 S. Girolamo degli Schiavoni
 S. Rocco
 S. Maria in Porta Paradisi
 Conservatorio della Divina Provvidenza

The Plate (No. 107)

S. Ivo dei Brittoni

The little church of St. Yves of the Breton Nation is the pretext for Vasi to show us one of the most celebrated streets of Rome: Via di Ripetta opened by Leo X with a tax on the many prostitutes who lived near the little harbour (Ripetta means small bank). It was and still is a street full of life. The view is taken from the green dot in the small 1748 map here below. In the description below the plate Vasi made reference to: 1) Strada di Ripetta; 2) Palazzo Cardelli; 3) Buildings belonging to Palazzo Borghese; 4) Obelisk in Piazza del Popolo; 5) Porto di Ripetta; 6) S. Ivo de' Bretoni; 7) Collegio Clementino. 3), 4), 5) and 7) are shown in detail in other pages. The small map shows also 8) S. Girolamo degli Schiavoni; 9) S. Rocco; 10) S. Maria in Porta Paradisi; 11) Conservatorio della Divina Provvidenza.

Small ViewSmall View

Today

The view today

Many things have changed: Collegio Clementino has been replaced by a modern building, the church has been relocated (in the same street) and is no longer visible, the harbour of Ripetta is lost, but the perspective over the obelisk of Piazza del Popolo is still there.

S. Ivo

S. Ivo dei Brittoni

The church (not to be confused with Borromini's S. Ivo alla Sapienza) was pulled down and rebuilt in a slightly different location in 1878 by Luca Carimini, who designed an early Renaissance fašade and made use of pietra serena a grey stone typical of many Florentine monuments (unfortunately it is a delicate stone). The fine Florentine tondo was in the old church (the two saints were added). To have a distinct church in Rome was for the Bretons a way to confirm their national identity (click here for a list of national churches in Rome).

Palazzo Cardelli

Palazzo Cardelli

Palazzo Cardelli is not described in the guides of Rome, but Vasi thought it deserved being mentioned and I share his views. Cardelli contains a reference to cardo (thistle), hence the thistle in the palace decoration. Asdrubale Cardelli who built the palace in the XVIIth century made a fortune as a lawyer.

S. Girolamo degli Schiavoni

S. Girolamo degli Schiavoni

The church is shown in plate 85 (Porto di Ripetta). It is one of the many national churches existing in Rome, although today "Schiavoni" does not immediately suggest the nation referred to by the name of the church. With today's geography we would call it the church of the Croats, although when Sixtus V charged Martino Longhi with its erection he just wanted to provide a haven to the many catholics who were escaping the Turks' invasion of the Balkan peninsula. The fašade is decorated with the pope's heraldic symbols (click here for a list of national churches in Rome).
Close to the church there is a fountain, built under Clemens XIV,  which promises wine, but delivers water (although of excellent quality). It was paid by the many innkeepers who had their trade in the area.

S. Rocco

S. Rocco

The church of S. Rocco was paid for by the guild of the workers (mainly innkeepers and boatmen) of the nearby Porto di Ripetta (click here for a list of churches belonging to a guild). The neoclassic fašade with the coat of arms of Gregorius XVI is by Valadier.
The main floods of the Tiber are recorded on the side of the church. At the very top the terrible flood of 1598 which destroyed Ponte Emilio, which was then called Ponte Rotto.

S. Maria in Porta Paradisi

S: Maria in Porta Paradisi

Further on in Via di Ripetta there is the little church of S. Maria in Porta Paradisi (Heaven's Gate). The church (the lower part of which was designed by Antonio da Sangallo) is part of the Ospedale di S. Giacomo in Via del Corso (St. James' Hospital) and it was built to celebrate the end of a pestilence in 1523. The statue of Mary is attributed to Andrea Sansovino. The hospital was a Home for Incurables and passers-by were asked to give alms by the image of a sick person in a perambulator. The hospital had a second entrance in Via di Ripetta, which was given the shape of a church fašade by Francesco da Volterra in the second half of the XVIth century.

Conservatorio della Divina Provvidenza

Conservatorio della Divina Provvidenza

The large building which served as an orphanage and a house for the poor is today a very sought after residence for short stays and it has been largely modified, although one large window has retained its XVIIIth century looks.

Excerpts from Giuseppe Vasi 1761 Itinerary related to this page:


Strada di Ripetta
Accanto alla chiesa di s. Maria de' Miracoli sý apre la sopraddetta strada, e seguita di retta linea a fianco del Tevere, e per˛ in essa si fa lo scarico della legna da lavorare, e da ardere. Si disse prima questa contrada de' Schiavoni, perchŔ caduto nell'an. 1453. l'Imperio Orientale in mano de' Turchi, molti di quella nazione per non stare sotto la tirannide di essi, quivi vennero ad abitare: ora per˛ prende il nome dal Porto, che in questa strada corrisponde.
Conservatorio della divina Provvidenza
Dopo il palazzo del March. Capponi siegue a destra il conservatorio per le povere donzelle orfane, che per la cappella dedicata all'Arcangelo s. Michele, di questo portano ancora il nome: ma il proprio loro nome Ŕ della divina Provvidenza, perchŔ vivono coll'industrie delle proprie mani, e coll'elemosine de' benefattori.
Chiesa di S. Maria in Porta Paradisi
Piccola, ma nobile Ŕ questa cappella o chiesa, che vogliam dire; dicevasi anticamente in Augusta per il celebre mausoleo di quell'Eroe, che stava qui vicino. Fu fatta di nuovo l'anno 1628. per un legato di Matteo Caccia medico dello spedale degl'Incurabili, a cui Ŕ unita; ed Ŕ ornata con marmi, pitture e bassirilievi di marmo. Quello nell'altare a mano destra Ŕ di Gio. Francesco de' Rossi; l'altro incontro, ed il deposto del suddetto medico sono di Cosimo Fancelli; e quelle sull'altare di mezzo sono di Francesco Brunetti Bolognese; e le pitture nella cupola di Pietro Paolo Baldini; le altre poi di Lorenzo Greuter.
Chiesa e spedale di S. Rocco
Da una confraternita di barcaroli, osti, ed altri consimili impieghi, fu eretta a tre navate questa magnifica chiesa l'anno 1657. col disegno di Gio. Antonio de' Rossi ed Ŕ ornata di marmi e di pitture. Il quadro nella seconda cappella a destra Ŕ di Baciccio Gauli; le pitture nella cappella della ss. Vergine sono del Carosi; il s. Rocco nell'altare maggiore di Giacinto Brandi, il s. Martino a cavallo, di Bernardo da Formello; il s. Antonio di Padova Ŕ di Gregorio Calabrese, e le pitture nella cupoletta e lunette sono di Francesco Rosa.
╚ unito a questa chiesa lo spedale per li poveri della confraternita, ed ancora per le povere donne, che non avessero in casa loro comodo di partorire.
Chiesa di s. Girolamo delli Schiavoni
Era quivi una piccola chiesa dedicata a santa Marina: ma poi da un eremita Schiavone fu dedicata al s. Dottore, e dipoi venendo in Roma, come dicemmo, quei Cristiani fuggiti da quella provincia per la tirannia de' Turchi, eressero appresso la chiesa uno spedale. Quindi Sisto V. riedific˛ la chiesa col disegno di Martin Lunghi il vecchio, la fece collegiata, e la orn˛ di pitture diverse. Il quadro nella cappella a destra Ŕ di Giuseppe del Bastardo, quello nella terza di Benigno Vangolini, le pitture nell'altare maggiore sono di Antonio Viviano, e di Andrea d'Ancona; quelle per˛ della volta sono di Paris Nogari. Il s. Girolamo nella cappella, che siegue, ed il Cristo morto nell'altra, sono del suddetto Bastardo; le pitture a fresco sono per˛ del suddetto Andrea d'Ancona, il quale fece ancora la nativitÓ del Signore, ed il ss. Crocifisso nell'ultima si crede, che sia di Antonio Caracci.
Chiesa di s. Ivone
Conserva questa chiesa l'antica forma di tre navate con colonne di granito egizio, ed era prima dedicata a s. Andrea Apostolo; ma essendo nell'anno 1456. conceduta ad una confraternita di Britoni, la dedicarono al Santo loro protettore, ed ora Ŕ unita alla chiesa di s. Luigi de' Francesi. Il pavimento di questa essendo pi¨ basso della strada, dimostra quanto sia alzato il piano di Roma, dopo la fondazione della medesima, per causa dell'inondazioni del Tevere.

Next plate in Book 6: S. Simeone Profeta

Next step in Day 4 itinerary: Porto di Ripetta
Next step in your tour of Rione Campo Marzio: S. Antonio de' Portoghesi

Go to    or to  Book 6 or to my Home Page on Baroque Rome or to my Home Page on Rome in the footsteps of an XVIIIth century traveller.


All images © 1999 - 2003 by Roberto Piperno. Write to romapip@quipo.it